Navigation

Caso Zuppiger: se incriminato dovrà lasciare Consiglio nazionale

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 febbraio 2012 - 12:34
(Keystone-ATS)

Qualora venisse rinviato a giudizio o condannato tramite decreto d'accusa, il consigliere nazionale Bruno Zuppiger (UDC/ZH) dovrà lasciare il suo seggio. È l'accordo raggiunto tra i vertici della sezione zurighese dell'UDC e lo stesso Zuppiger.

A inizio gennaio il ministero pubblico zurighese aveva avviato un'inchiesta penale nei confronti del 59enne per appropriazione indebita e amministrazione infedele nella gestione di un'eredità.

"Abbiamo raggiunto un accordo con lui", ha dichiarato all'ats il presidente della sezione zurighese del partito Alfred Heer confermando una notizia della "Neue Zürcher Zeitung". Nel colloquio avvenuto venerdì scorso Zuppiger si è detto d'accordo, ha aggiunto. "Ma nell'ambito del procedimento penale vuole poter dimostrare la sua innocenza".

Tuttavia per Heer è chiaro: "sarebbe stato meglio se si fosse dimesso già nel momento in cui è stata annunciata l'inchiesta". Ad ogni modo "riconosciamo la presunzione d'innocenza".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?