Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il premier spagnolo Mariano Rajoy.

KEYSTONE/AP/PAUL WHITE

(sda-ats)

"È un momento grave per la nostra democrazia". Lo ha detto il premier spagnolo Mariano Rajoy intervenendo in parlamento sul referendum del primo ottobre in Catalogna. "Si stanno mettendo in discussione i principi di una società democratica", ha aggiunto.

Rajoy ha accusato il governo della Catalogna di Carles Puigdemont di "un attacco sleale e pericoloso alla Costituzione, all'unità della Spagna e alla convivenza pacifica dei cittadini". "Il governo autonomo non ha rispettato la legge e le sentenze della Corte", ha aggiunto.

"Il futuro e il ritorno alla normalità istituzionale, come tutto il mondo sta chiedendo, è nelle mani di Puidgemont", ha affermato ribadendo la sua richiesta di chiarimento al "president" catalano.

"Nelle strade della Catalogna abbiamo visto le drammatiche conseguenze della violazione della legge", ha detto il premier, aggiungendo che "quello che non è legale non è democratico" e "questo referendum è illegale" e "ha fallito". Pertanto, ha detto ancora, non può essere utilizzato per portare avanti l'indipendenza della Catalogna.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS