Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente catalano Carles Puigdemont

KEYSTONE/AP/MANU FERNANDEZ

(sda-ats)

La Catalogna oggi si è dichiarata indipendente. Per un minuto. Alle 19.41 il presidente Carles Puigdemont ha proclamato la Repubblica catalana. Alle 19.42 ha sospeso la secessione, per tentare "una tappa di dialogo" con Madrid.

Dopo ore di trattative ad alta tensione con le varie componenti del fronte indipendentista, sommerso dagli appelli da tutto il mondo perché evitasse un gesto "irreparabile", il leader catalano alla fine ha optato per la 'formula slovena'. Così aveva fatto Lubiana al momento della separazione da Belgrado: aveva dichiarato l'indipendenza, ma l'aveva sospesa per sei mesi, per arrivare a un divorzio negoziato con Belgrado.

Una grandissima incertezza su quanto avrebbe detto incombeva su Barcellona da due giorni. I suoi ministri da domenica hanno tenuto le bocche cucite. La legge catalana del referendum prevedeva una dichiarazione di indipendenza entro due giorni dalla proclamazione dei risultati, in caso di vittoria del 'sì' al referendum del primo ottobre. Mille giornalisti di tutto il mondo hanno invaso il parlamento per seguire il suo storico discorso, trasmesso in diretta planetaria. Un discorso iniziato con un'ora di ritardo. Sessanta minuti nei quali ci sono state frenetiche trattative con la Cup, l'ala sinistra del fronte indipendentista, ostile all'indipendenza sospesa. E, sembra, telefonate con una personalità europea impegnata in un'opera di mediazione.

La sospensione della dichiarazione di indipendenza deve permettere uno spazio di dialogo, ha auspicato Puigdemont. L'obiettivo è arrivare a un compromesso con Madrid. Non sarà facile. Rajoy ha preannunciato durissime misure se Puigdemont avesse dichiarato l'indipendenza. Senza escludere l'utilizzo dell'articolo 155, che consentirebbe di destituirlo e di sospendere l'autonomia catalana. Puigdemont rischia anche l'arresto per "ribellione". Ma su Rajoy sono puntati ora gli occhi di tutto il mondo. Che difficilmente accetterebbe nuove immagini di violenza in Catalogna. In attesa di reazioni ufficiali (Rajoy riferirà domani al Congresso), fonti del governo di Madrid hanno fatto sapere di considerare le parole di Puigdemont "una tacita dichiarazione di secessione", che la Spagna considera un "ricatto inammissibile" al quale non cederà.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS