Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ex premier francese Manuel Valls (foto d'archivio)

KEYSTONE/EPA/ETIENNE LAURENT

(sda-ats)

"Disfare la Spagna significa disfare l'Europa": questo l'avvertimento lanciato dall'ex premier francese nato a Barcellona, Manuel Valls, intervistato da BFM-TV sulla situazione in Catalogna.

"Se apriamo il vaso di Pandora - ha avvertito - domani saranno i Paesi Baschi, poi i Paesi Baschi francesi, poi il Nord Italia, e dopo è la guerra". Per il socialista francese molto legato alla Catalogna, la regione di cui è originario - tra l'altro, è tifosissimo del Barcellona - "viviamo da settant'anni in pace, ma dimentichiamo l'essenziale. Parlo come europeo e trovo che l'Europa debba parlare di ciò che accade in Spagna per dire 'non è possibile'. La Costituzione spagnola è tra le più democratiche". Proclamare l'indipendenza sarebbe "una follia".

Il parlamentare dell'Assemblée Nationale ha quindi sottolineato che le immagini delle violenze domenica scorsa erano "chiaramente spaventose e si rivoltano contro il governo centrale". "Ma il nostro ruolo è dire: la Spagna, che è un Paese democratico, il nostro vicino, deve vedere la sua costituzione rispettata. Bisogna dire agli indipendentisti: se ve ne andate, poi, non sarete nell'Unione europea, non ci sarà più l'euro" , come detto ieri dal commissario Ue agli Affari economici e monetari, Pierre Moscovici.

Nei giorni scorsi, il sindaco di Perpignano, al confine tra Francia e Spagna, Jean-Marc Pujol, ha proposto che Manuel Valls, faccia da "mediatore" europeo nella crisi tra Barcellona e Madrid.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS