Navigation

Catalogna: violenti scontri, 182 feriti, 54 arresti

Per le strade di Barcellona il giorno dopo gli scontri KEYSTONE/EPA EFE/JESUS DIGES sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 ottobre 2019 - 12:31
(Keystone-ATS)

È salito a 182 feriti e 54 arresti il bilancio degli scontri avvenuti ieri sera a Barcellona a margine delle proteste per la condanna al carcere dei leader indipendentisti. Lo indica il quotidiano El Pais.

Dopo la massiccia manifestazione di ieri, per la quale si parla di 750.000 partecipanti, le strade della città cercano di ritornare alla normalità dopo i gravi incidenti registrati.

Gli scontri di Barcellona si sono replicati anche in altre città, con lanci di pietre, barricate, mobilia gettata in strada, feriti e arresti. A Girona i Mossos (la polizia regionale), in borghese tra la folla dei manifestanti, hanno arrestato 11 persone.

Intanto il presidente della Generalitat della Catalogna, Quim Torra, ha riunito il gabinetto per fare il punto sui violenti scontri. Il governo catalano, scrive il quotidiano La Vanguardia, ritiene imprescindibile isolare i gruppi violenti e chiama i cittadini a partecipare in maniera civile alle manifestazioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.