Navigation

Cede diga polacca, evacuazioni a Gorlitz in Germania

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 agosto 2010 - 18:26
(Keystone-ATS)

GORLITZ - Diversi quartieri della città tedesca di Gorlitz al confine con la Polonia sono rimasti allagati a causa delle pesanti piogge che si sono abbattute nelle ultime 48 ore, che hanno causato lo straripamento del fiume Neisse per la rottura di una diga nei pressi di Radomierzyce in Polonia.
Secondo quanto hanno reso noto le autorità locali, il fiume Neisse è aumentato rapidamente di livello dopo il cedimento di una diga in Polonia, ed è cresciuto di quattro metri in meno di tre ore rompendo gli argini e allagando varie zone della città nella regione tedesca della Sassonia. Il livello delle acque ha poi raggiunto i sette metri, il più alto dal 1912, anno in cui si è iniziato a misurare le acque dei corsi d'acqua.
Circa 1.500 persone, compresi i residenti di due ospizi, sono stati evacuati nella notte tra sabato e domenica.
Le forti piogge che si sono abbattuto nel fine settimana nell'Europa centrale hanno causato almeno 15 morti in Polonia, Repubblica Ceca, Germania e Lituania.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.