Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

No a un limite massimo d'esercizio per le centrali nucleari più vecchie, come pure ad un obbligo per i gestori degli impianti più recenti di presentare un piano di gestione a lungo termine.

Lo ha deciso la Commissione dell'ambiente, della pianificazione del territorio e dell'energia del Consiglio nazionale (CAPTE-N) affrontando le divergenze con gli Stati in merito alla Strategia energetica 2050. Respinta invece una proposta per ridiscutere nel plenum il divieto di costruire nuovi impianti.

Per 14 voti a 11, indica una nota odierna dei servizi parlamentari, la CAPTE-N propone ora di rinunciare sia a un piano di esercizio a lungo termine sia a un limite temporale massimo d'esercizio (14 voti a 9 e 2 astenuti).

Nell'inverno 2014, affrontando per prima la Strategia energetica 2050, la Camera del popolo aveva deciso di limitare a 60 anni l'esercizio delle centrali più vecchie, come Beznau I e II (chiusura, rispettivamente, nel 2029 e nel 2031), evitando di porre un limite all'esercizio dei reattori in rete da meno di 40 anni (Gösgen aperta nel 1979 e Leibstadt nel 1984).

I gestori di quest'ultimi impianti sarebbero però stati obbligati, entro i primi 38 anni di esercizio, a presentare un piano di gestione a lunga scadenza rinnovabile di dieci anni in dieci anni, previo benestare dell'Ispettorato federale della sicurezza nucleare (IFSN).

Gli Stati, che hanno affrontato il dossier lo scorso settembre, hanno invece rinunciato a queste due condizioni. Ora la CAPTE-N si è allineata a questa versione, meno rigida, dei "senatori".

La maggioranza della CAPTE-N, si legge nella nota, è convinta che per garantire la sicurezza di questi impianti e regolarne lo spegnimento non siano necessarie nuove disposizioni. Più preoccupanti sono invece le eventuali richieste di risarcimento da parte dei gestori qualora venissero costretti a chiuderle anzitempo.

Nel corso delle deliberazioni, con 13 voti a 11 e 1 astensione, la CAPTE-N ha respinto una proposta che chiedeva di ritrattare in aula la disposizione concernente il divieto di rilasciare autorizzazioni quadro per la costruzione di nuove centrali nucleari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS