Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il governo vuole favorire alloggi a prezzi moderati

KEYSTONE

(sda-ats)

Il Consiglio federale intende stanziare un credito di 250 milioni destinato alla concessione di mutui per la costruzione di abitazioni a prezzi moderati.

Secondo l'esecutivo questa soluzione risulta più adeguata rispetto alle richieste dell'iniziativa popolare "Più abitazioni a prezzi accessibili". Il credito è stato posto in consultazione oggi fino al 12 luglio.

La legge sulla promozione dell'alloggio (LPrA) prevede che vengano concessi mutui per la costruzione, il rinnovo o l'acquisto di abitazioni a prezzi moderati grazie a un fondo di rotazione. Dal 2003 è stata sostenuta la creazione di 1500 abitazioni all'anno, sottolinea un comunicato del governo. Il credito quadro permetterebbe di continuare a promuovere l'edilizia di utilità pubblica in modo che mantenga una quota di mercato pari a quella attuale del 5% ed è una risposta all'iniziativa popolare lanciata dall'Associazione Svizzera Inquilini (ASI).

"Più abitazioni a prezzi accessibili" chiede a Confederazione e Cantoni di "promuovere la costruzione di alloggi a pigione moderata e a evitare progetti speculativi sul poco spazio edificabile rimasto". Il testo prevede inoltre che il 10% degli alloggi di nuova edificazione siano di proprietà di enti pubblici. Per il governo però questi obbiettivi rappresentano un intervento eccessivo e inutile nel settore della costruzione di alloggi.

"Il Consiglio federale riconosce tuttavia che è necessario garantire la disponibilità di un numero sufficiente di abitazioni a prezzi moderati per soddisfare la domanda", aggiunge il comunicato. Per questo ha deciso di stanziare un nuovo credito quadro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS