Navigation

CF: approvata revisione Fondo di disattivazione centrali nucleari

Il Consiglio federale ha aumentato dagli attuali 96 milioni di franchi a 183,7 milioni i contributi annuali dei proprietari di centrali nucleari per i Fondi di disattivazione e di smaltimento. KEYSTONE/PETER KLAUNZER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 novembre 2019 - 20:31
(Keystone-ATS)

Il Consiglio federale ha approvato la revisione dell'ordinanza sui Fondi di disattivazione e di smaltimento (OFDS) per le centrali nucleari. La modifica comporta un aumento dei contributi annuali dei proprietari dagli attuali 96 milioni di franchi a 183,7 milioni.

La revisione, che entra in vigore il primo gennaio, comprende adeguamenti del reddito del capitale e del tasso di rincaro utilizzati per il calcolo dei contributi annui, precisa un comunicato odierno del Consiglio federale.

Inoltre, essa prevede lo stralcio del supplemento di sicurezza forfettario del 30% sui costi totali, introdotto nel 2015, poiché la nuova metodologia per calcolare i prevedibili costi di disattivazione e di smaltimento, applicata per la prima volta nel 2016, contempla già supplementi per incertezze nelle previsioni e rischi.

I gestori delle centrali elettriche criticano fortemente la decisione dell'esecutivo e stanno valutando l'ipotesi di un'azione legale. Il Consiglio federale impone ai gestori delle centrali atomiche costi aggiuntivi inutili ed economicamente dannosi, scrive in una nota odierna il gruppo energetico bernese BKW. I contributi supplementari sono vincolati per decenni e imposti agli operatori senza alcun vantaggio in termini di sicurezza e senza possibilità di rimborso, nota BKW.

Solo per la centrale nucleare di Mühleberg si dovrebbero versare contributi supplementari di circa 100 milioni di franchi, con un impatto negativo sugli investimenti previsti. Tuttavia, BKW ha confermato le previsioni pubblicate in settembre su un migliore risultato operativo per l'esercizio in corso.

Anche il gruppo energetico Alpiq, a sua volta, scrive che la revisione peggiorerà le condizioni quadro per l'esercizio economico delle centrali nucleari: essa implicherà costi aggiuntivi, il blocco della liquidità per i decenni a venire ed l'emarginazione degli operatori nei comitati dei fondi.

Di altro tenore le considerazioni della "Fondazione per l'energia" (Schweizerische Energie-Stiftung, SES), secondo al quale con questa revisione il Consiglio federale indebolisce la protezione dei contribuenti dai costi delle scorie nucleari: la decisione di eliminare completamente dall'ordinanza il precedente margine di sicurezza abolisce un meccanismo di protezione centrale, sottolinea SES.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.