Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le circa 23'000 persone che beneficiano di un'ammissione provvisoria non necessariamente ottengono un permesso di soggiorno, ma per il 70% di esse non può essere "ragionevolmente esigibile" il rinvio nel paese d'origine, a causa di una guerra civile o una situazione di violenza generalizzata. Lo rileva il Consiglio federale, che ha pubblicato un rapporto sui permessi concessi per i casi di rigore e le ammissioni provvisorie degli ultimi cinque anni.

Elaborato a seguito di un postulato del Consiglio nazionale, il rapporto fa il punto sulla situazione: la statistica 2009-2013 relativa ai permessi per casi di rigore mostra che ogni anno sono rilasciati 2000-3000 permessi di questo tipo. Circa l’84 per cento è stato concesso a persone già ammesse provvisoriamente.

In cima alla lista delle ammissioni provvisorie figura la Somalia (2'609 ammissioni), seguita da Afghanistan (1'826), Sri Lanka (1'307) e Iraq (1'160).

Per quanto concerne l'Eritrea e la Cina il numero è più elevato a causa del carattere illecito del rimpatrio: il semplice fatto di lasciare la Cina per i Tibetani o l'Eritrea (per gli Eritrei) comporta un pericolo tale da giustificare il riconoscimento della qualità di rifugiato, secondo il governo. Queste persone non ottengono l'asilo, ma il loro rimpatrio è illecito stando al diritto internazionale. La stessa cosa vale per i richiedenti che provengono da Iran o Siria: la loro attività politica durante l'esilio in Svizzera li metterebbe in pericolo in caso di ritorno. Lo scorso anno i Siriani sono stati il secondo gruppo più numeroso ad essere ammessi provvisoriamente.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS