Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In futuro, a determinate condizioni, l'assistenza amministrativa fiscale potrà essere concessa a uno Stato estero anche se la richiesta si basa su dati bancari rubati.

È quanto prevede una revisione legislativa in materia il cui messaggio è stato licenziato oggi dal Consiglio federale.

Concretamente, in caso di richieste fondate su dati rubati, la Confederazione entrerà nel merito se le informazioni sono state ottenute nel quadro di un'ordinaria procedura di assistenza amministrativa o tramite fonti accessibili al pubblico. L'assistenza continuerà invece ad essere negata se uno Stato ha ottenuto dati rubati con un comportamento attivo.

Con le modifiche proposte oggi, il governo tiene conto delle esigenze internazionali nonché delle raccomandazioni del Forum globale. L'attuale prassi restrittiva della Svizzera è infatti sempre più oggetto di critiche a livello internazionale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS