Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ignazio Cassis potrebbe aspirare alla poltrona di Didier Burkhalter.

KEYSTONE/ALESSANDRO DELLA VALLE

(sda-ats)

A meno che il seggio in governo non venga rivendicato da un altro partito, a Didier Burkhalter dovrebbe succedere un liberale radicale latino.

Tra gli altri si fa il nome del consigliere nazionale ticinese Ignazio Cassis al pari del consigliere di Stato ginevrino Pierre Maudet.

Attualmente nell'esecutivo federale figurano tre romandi: Didier Burkhalter (PLR/NE), Guy Parmelin (UDC/VD), e Alain Berset (PS/FR). Nulla impedisce che possa essere uno svizzero tedesco a puntare al seggio, senza rimettere in questione l'equilibrio linguistico. Ma è poco probabile che il PLR, partito storico, voglia farsi rappresentare da due germanofoni.

Potrebbe invece essere venuto il momento per un Ticinese sotto il Cupolone. Il Cantone non ha più un suo esponente dal 1999, quando lasciò Flavio Cotti (PPD). Cassis, capogruppo PLR alle Camere, potrebbe risultare il candidato ideale.

I Liberali radicali hanno però tra i papabili anche la consigliera nazionale vodese Isabelle Moret o la consigliera di Stato, pure vodese, Jacqueline de Quattro. Se il cantone di Neuchâtel punta ad un seggio al posto di Burkhalter, allora ha a disposizione i "ministri" Laurent Favre o Alain Ribaux - entrambi già parlamentari federali - oppure il "senatore" Raphaël Comte.

Ma sono in attesa pure "giovani rampanti" PLR, che siedono a Berna, quali Olivier Feller (VD), Hugues Hiltpold (GE) o Philippe Nantermod (VS).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS