Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera occupa le prime posizioni per quanto riguarda l'uso efficiente dell'energia e delle risorse da parte dell'economia. È quanto risulta dal rapporto sulla strategia Cleantech 2011-14 approvato oggi dal Consiglio federale.

Tenuto conto del valore aggiunto di questo settore - 49 miliardi nel 2013 secondo alcune stime, pari a 530 mila posti di lavoro - il Governo ha incaricato il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) e il Dipartimento dell'economia, della formazione e della ricerca di proporre l'ulteriore sviluppo di Cleantech entro l'inizio del 2015.

Tale impegno della Confederazione ha assunto ancora maggiore importanza dopo la decisione di abbandonare a tappe il nucleare. Misure per aumentare l'efficienza energetica sono incluse anche nella Strategia energetica 2050, attualmente all'esame del parlamento.

Stando a una nota odierna del DATEC, Cleantech - ossia la produzione durevole che risparmia su risorse ed energia a tutto vantaggio dell'ambiente - è stata ormai integrata nella politica economica di molti cantoni e di molti curriculum di studio offerti a livello di formazione professionale superiore e di Scuole universitarie.

Inoltre, sono stati messi a punto strumenti che facilitano il trasferimento di tecnologie innovative in campo energetico dai centri di ricerca alle piccole e medie aziende. Governo e parlamento hanno approvato nel contempo anche la costituzione di fondi per la promozione energetica, nonché di tecnologie e servizi di efficienza energetica.

Dal rapporto risulta anche che non esistono in Svizzera ostacoli normativi che frenino le imprese che operano nel settore cleantech.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS