Navigation

CF: farmaci, protezione più efficace per la salute

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 aprile 2011 - 15:16
(Keystone-ATS)

Il Consiglio federale vuole proteggere più efficacemente la salute di persone e animali rispetto a oggi. Il Dipartimento federale dell'interno (DFI) è stato incaricato dal governo di preparare un pacchetto di misure all'attenzione del Parlamento.

La legge federale sugli agenti patogeni, attualmente in vigore, si prefigge di garantire la commercializzazione unicamente di medicinali di elevata qualità. La normativa ha dato buoni risultati, ma sia Parlamento che Consiglio federale vogliono modificare alcuni aspetti. Ad esempio si cercherà di aumentare il numero di farmaci adatti ai bambini e di migliorare la sorveglianza del mercato. I professionisti del settore sono stati interrogati e una netta maggioranza dei partecipanti alla consultazione si è espressa a favore delle proposte. Il disegno di legge e il relativo messaggio dovrebbero essere adottati dal Consiglio federale all'inizio del 2012.

Una decisione sulla discussa proposta di limitare la distribuzione di farmaci da parte dei medici è stata per il momento rinviata. Il governo ha infatti deciso di aspettare i risultati del dibattito fra Santésuisse e la Federazione dei medici svizzeri (FMH).

L'idea di limitare la distribuzione di farmaci da parte dei medici era stata lanciata dal predecessore di Didier Burkhalter alla testa del DFI, Pascal Couchepin, dieci giorni prima di lasciare il governo, e aveva suscitato immediate polemiche: né i cantoni, né i medici erano favorevoli. Proprio per evitare che la questione influisca sul resto della revisione è stato deciso di trattarla in maniera separata, ha precisato Burkhalter.

La pratica della distribuzione da parte dei medici è particolarmente diffusa nella Svizzera tedesca. Tredici cantoni la autorizzano, mentre è vietata in nove, tra cui il Ticino. Berna, Grigioni e Sciaffusa hanno instaurato un sistema misto, in cui i camici bianchi sono autorizzati a distribuire farmaci, se nelle vicinanze non ci sono farmacie.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?