Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Limitare l'uso di alcune sostanze nocive che impoveriscono lo strato di ozono. È quanto si propone un emendamento del Protocollo di Montreal approvato oggi dal Consiglio federale. Immagine d'archivio.

KEYSTONE/EPA/HOW HWEE YOUNG

(sda-ats)

Limitare l'uso di alcune sostanze nocive che impoveriscono lo strato di ozono. È quanto si propone l'emendamento di Kigali al Protocollo di Montreal, approvato oggi dal Consiglio federale.

Compiendo questo passo, il governo si impegna a disciplinare l'impiego di 18 idrofluorocarburi parzialmente alogenati (HFC), che hanno effetti migliaia di volte maggiori del CO2. In occasione delle revisioni ordinarie il loro uso nei nuovi impianti e apparecchi sarà limitato quando esistono delle alternative, per esempio in determinati impianti di climatizzazione o pompe di calore industriali, precisa una nota dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM).

Berna ha sostenuto attivamente sin dall'inizio l'estensione del Protocollo di Montreal. Complessivamente i Paesi industrializzati saranno obbligati a ridurre gradualmente entro il 2036 il loro consumo di 18 HFC al 15% del livello attuale. I Paesi in via di sviluppo ed emergenti dovranno raggiungere questo obiettivo entro il 2047.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS