Navigation

CF: gestione orso in Svizzera, le misure funzionano

Un postulato dell'ex consigliere nazionale Pierre Rusconi (UDC/TI), risalente a dicembre 2012, chiedeva al governo di elaborare un rapporto sulla gestione dell'orso in Svizzera al fine di migliorare la strategia nazionale (foto d'archivio) KEYSTONE/AMT FUER JAGD UND FISCHEREI GR/JON GROSS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 gennaio 2021 - 11:40
(Keystone-ATS)

Le misure per gestire gli orsi in Svizzera funzionano e sono in linea con le direttive paneuropee. Ne è convinto il Consiglio federale, che oggi ha adottato il rapporto "Gestione dell'orso in Svizzera".

Un postulato dell'ex consigliere nazionale Pierre Rusconi (UDC/TI), risalente a dicembre 2012, chiedeva al governo di elaborare un rapporto sulla gestione dell'orso in Svizzera - sull'onda di quanto avvenuto con l'orso M13, abbattuto in quanto classificato come pericoloso - al fine di migliorare la strategia nazionale.

Il Consiglio federale ritiene che "l'aiuto all'esecuzione 'Strategia Orso Svizzera' sia in linea con le direttive vigenti a livello europeo e si è dimostrato valido". In particolare, offre un margine di manovra sufficiente per una gestione adeguata degli orsi migratori.

Dal rapporto è tuttavia emerso che c'è un potenziale di miglioramento nell'ambito della prevenzione dei danni. Il rischio che gli orsi sviluppino comportamenti problematici è minore se c'è un adeguato smaltimento dei rifiuti e una migliore protezione degli apiari e degli animali da reddito.

Negli ultimi 15 anni si è reso necessario abbattere due orsi, nel 2008 e nel 2013, e in totale il risarcimento dei danni è stato pari a circa 120'000 franchi per le predazioni di animali da reddito e a 30'000 franchi per gli apiari danneggiati. I costi, precisa il governo, sono a carico di Confederazione e Cantoni nella misura rispettivamente dell’80 e del 20%.

La gestione dell'orso è stabilita nella "Strategia Orso Svizzera" e si basa sul principio che la coesistenza tra l'uomo e l'orso - a determinate condizioni - è possibile, sottolinea il Consiglio federale. Nonostante la presenza di singoli plantigradi sul suolo elvetico, in Svizzera non è prevista una reintroduzione attiva dell'orso.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.