Navigation

CF: in futuro una dogana tra Campione d'Italia e la Svizzera

Il casinò di Campione d'Italia KEYSTONE/TI-PRESS/PABLO GIANINAZZI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 dicembre 2019 - 15:54
(Keystone-ATS)

Tra Campione d'Italia e il Ticino dovrebbe venire istituita una dogana. Lo prevede uno scambio di note tra la Svizzera e l'Italia in vista dell'entrata dell'enclave nel territorio doganale europeo a partire dall'inizio di gennaio 2020.

Lo scambio di note, negoziato tra i due Paesi, è stato approvato oggi dal Consiglio federale. L'intesa, precisa una nota odierna del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), suggella l'impegno dei due Paesi a concludere "nel più breve tempo possibile" l'accordo riguardante l'istituzione di un ufficio a controlli nazionali abbinati per il valico di Bissone/Campione d'Italia. Tale accordo dovrà agevolare "l'adempimento delle pratiche doganali a beneficio degli operatori economici e dei cittadini".

Lo scambio di note conferma inoltre l'introduzione a Campione d'Italia di un'imposta locale sul consumo allineata all'imposta sul valore aggiunto (IVA) percepita in Svizzera, evitando in questo modo potenziali distorsioni di concorrenza nella zona di frontiera interessata.

L'accordo tra Roma e Berna elenca anche le condizioni per appianare la situazione debitoria creatasi nei riguardi dei creditori svizzeri dell'enclave italiana. Il Parlamento di Roma ha appena sbloccato 5,5 milioni di euro per ripianare i debiti di Campione. Diventato insolvente nel 2018, il comune italiano ha accumulato sino al 30 novembre 2019 debiti per circa 5 milioni di franchi.

Una volta che verranno ripagati i debiti, il consiglio di Stato ticinese verserà il saldo della compensazione finanziaria dovuta all'Italia in applicazione all'Accordo del 1974 sull'imposizione dei lavoratori frontalieri per l'anno 2018. Si tratta di 4 milioni di franchi trattenuti dal governo di Bellinzona dai ristorni dei frontalieri.

Ove possibile, "e richiesto da parte italiana", le parti si adopereranno a mantenere l'erogazione di determinati servizi fondamentali da parte di imprese ed enti svizzeri. Si tratta della raccolta e dello smaltimento sul territorio ticinese dei rifiuti, del trattamento delle acque reflue, delle telecomunicazioni, nonché della validità temporanea della licenza di condurre svizzera rilasciata per i residenti di Campione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.