Navigation

CF: IVA su canone radio-tv, saranno rimborsati 50 franchi

Il rimborso verrà effettuato su una fattura dell'organo di riscossione Serafe KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 novembre 2019 - 11:53
(Keystone-ATS)

Cinquanta franchi. È quanto riceverà ogni famiglia e collettività se il Parlamento approverà la legge - approvata oggi dal Consiglio federale - sul rimborso dell'IVA prelevata illegalmente sul canone radio-tivù dal 2010 al 2015.

L'accredito verrà effettuato su una fattura dell'organo di riscossione Serafe. I primi pagamenti saranno effettuati nel 2021.

Nel suo messaggio, il governo ha stimato in 3,7 milioni il numero degli aventi diritto al rimborso. Calcolando un tasso d'interesse del 5% e di una riserva di 3 milioni di franchi, l'esecutivo prevede di restituire un importo massimo di 185 milioni.

Il rimborso dell'Iva si basa su due decisioni di principio del Tribunale federale, stando alle quali sul canone di ricezione non può essere prelevata questa tassa e i proventi devono quindi essere restituiti per il periodo 2010-2015.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.