Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dal prossimo mese di ottobre le compagnie aeree che trasportano cittadini stranieri senza documenti validi saranno sanzionate.

Il Consiglio federale ha posto oggi in vigore una serie di disposizioni - applicate sui voli provenienti da aeroporti esterni allo spazio Schengen - che mirano a ridurre il numero di domande di asilo.

Le compagnie aeree rischieranno una multa di almeno 4000 franchi per ogni passeggero in situazione illegale, e fino a 16'000 nei casi più gravi. Finora le autorità dovevano dimostrare che le società in questione avevano violato il loro obbligo di controllo.

La revisione capovolge il fardello della prova: d'ora in poi toccherà alle compagnie provare che i loro passeggeri sono a tutti gli effetti in possesso dei documenti di viaggio richiesti.

Le compagnie che prenderanno tutte le misure di organizzazione ragionevoli e necessarie per evitare di trasportare un passeggero senza documenti saranno esentate dalla multa. Nessuna sanzione anche nei casi di falsificazione del documento difficilmente individuabile.

Berna potrà pure informarsi meglio sui passeggeri a rischio: su alcuni voli le compagnie trasmetteranno alle autorità di controllo alla frontiera informazioni sull'itinerario e l'identità dei passeggeri.

La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà inoltre costringere un'impresa di trasporto a comunicargli i dati relativi a determinati voli e passeggeri. In caso di violazione ingiustificata di questo obbligo la compagnia sarà sanzionata.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS