Navigation

CF: per residenze secondarie limite del 20% in vigore da subito

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 marzo 2012 - 19:39
(Keystone-ATS)

La costruzione di nuove residenze secondarie sarà limitato da subito al 20%. Occorre tuttavia ancora definire quali alloggi saranno presi di mira. I permessi di costruzione già rilasciati resteranno validi, ha commentato Doris Leuthard, dopo l'approvazione dell'iniziativa di Franz Weber.

Se il testo si applica immediatamente, numerosi punti vanno ancora chiariti, ha precisato in serata la consigliera federale. Si tratta in particolare di determinare quali alloggi saranno toccati dall'iniziativa, visto che la stessa parla genericamente di "residenze secondarie", senza definirle. Secondo la ministra dell'ambiente, si tratterà anche di verificare la possibilità di applicare eccezioni.

Nella campagna che ha preceduto la votazione, gli iniziativisti hanno lasciato intendere che i comuni strutturalmente deboli potranno, per esempio, beneficiare di deroghe. Doris Leuthard ha detto che "i giuristi sono all'opera per esplorare il margine di manovra" in questo settore. Infatti, in numerosi cantoni, il risultato della votazione corrisponde de facto a una sospensione delle costruzioni.

Altro aspetto da chiarire: che ne sarà delle domande di costruzione in sospeso? Le disposizioni transitorie ne prevedono, in linea di principio, l'annullamento.

Il consiglio federale - ha proseguito Doris Leuthard - comprende l'importanza che la popolazione accorda al paesaggio e condivide la preoccupazione di evitare il depauperamento del territorio e il cosiddetto fenomeno dei "letti freddi". Il governo si metterà all'opera al più presto per preparare l'applicazione dell'iniziativa. Nel frattempo - ha proseguito la ministra - continua a essere applicata la legge sulla pianificazione del territorio, in vigore dallo scorso luglio.

Tuttavia, cantoni e comuni sono invitati a rimboccarsi le maniche. In particolare, i comuni dovranno pubblicare annualmente il loro piano delle quote di residenze principali e la situazione particolareggiata dell'applicazione delle misure per mantenere la soglia delle residenze secondarie al di sotto del 20%.

L'iniziativa prevede - ha ricordato Doris Leuthard - che se una legislazione non è entrata in vigore entro due anni, il governo dovrà legiferare per via d'ordinanza. In generale, il Consiglio federale intende coordinare la costruzione di luoghi abitativi e le infrastrutture, ha sottolineato Leuthard.

Il risultato degli altri temi in votazione soddisfa il Consiglio federale. I rifiuti dell'"iniziativa sul risparmio per l'alloggio" e della legge federale sul prezzo fisso dei libri corrispondono alle posizioni iniziali del governo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?