Navigation

CF: personale domestico, prorogato CNL e deciso aumento salari

Più soldi per il personale domestico nel 2020. KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 novembre 2019 - 13:14
(Keystone-ATS)

Dal 2020, la busta paga per il personale domestico sarà un po' più pesante. Lo ha deciso oggi il Consiglio federale che ha adeguato i salari minimi dell'1,6%.

Il governo ha anche prolungato di altri tre anni, fino al 31 dicembre 2022, la pertinente ordinanza sul contratto normale di lavoro (CNL) per questo settore.

Secondo l'esecutivo, sottolinea una nota odierna del Dipartimento federale dell'economia (DEFR), sussistono le condizioni per una proroga: da un lato sono state riscontrate ripetute violazioni dei salari minimi e, dall’altro, a causa della forte domanda di personale assistenziale straniero nelle famiglie, è probabile che il mancato rinnovo del CNL faccia aumentare la pressione sui salari e il rischio di abusi.

Da gennaio, come precisato nell'ordinanza, per un lavoratore qualificato è previsto un salario orario di 19,20 franchi all'ora e, con quattro anni di esperienza, di 21,10 franchi.

Per i lavoratori qualificati con un Attestato federale di capacità (AFC, 3 anni di formazione) il salario orario è fissato a 23,20 franchi, che scende però a 21,10 franchi per chi è in possesso di un Certificato federale di formazione pratica (CFP) della durata di 2 anni.

La decisione odierna si basa sui risultati della procedura di consultazione. Favorevoli alla proroga, secondo il documento, sono stati i sindacati e la sinistra, che chiedevano anche un aumento più sostanzioso del salario orario. Il settore alberghiero e della ristorazione si è detto contrario ad un aumento dei salari minimi, così come tra i partiti il PLR e l'UDC. La maggioranza dei Cantoni (tra cui Ticino e Grigioni) ha difeso sia una proroga del CNL che un aumento delle retribuzioni orarie.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.