Navigation

CF: respinta iniziativa contro 4x4 con controprogetto indiretto

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 gennaio 2010 - 11:21
(Keystone-ATS)

BERNA - L'iniziativa popolare "Per veicoli a misura d'uomo" va respinta. Lo ha ribadito il Consiglio federale che, invece di vietare i veicoli più inquinanti, propone - a titolo di controprogetto indiretto - di sanzionare finanziariamente i costruttori e gli importatori che non rispettano l'obiettivo fissato in materia di emissioni di CO2.
Nel controprogetto indiretto sottoposto alle Camere, il governo introduce dal 2015 un limite delle emissioni medie di 130 grammi di CO2 al chilometro (g/km) per tutte le vetture immatricolate per la prima volta. Realizzabile in tre fasi, questo obiettivo potrà essere raggiunto attraverso la revisione parziale della legge sul CO2, attualmente in corso e che entrerà in vigore nel 2012.
Secondo le nuove disposizioni proposte dal Consiglio federale, nel primo anno (2012), le emissioni medie di CO2 non dovranno superare il valore limite del 65% del nuovo parco auto. Nel secondo anno (2013), tale quota dovrà salire al 75% e nel terzo anno (2014) all'80%.
Dal 2015 nessuna nuova automobile dovrà superare i 130 g/km. Le auto che oltrepassano questo limite potranno ugualmente essere immatricolate, ma ciò provocherà un rincaro del veicolo, dato che per ogni grammo di emissione supplementare sarà comminata ai fabbricanti e importatori una sanzione pecuniaria. Queste entrate - rileva in una nota l'Ufficio federale delle strade (USTRA) - saranno ridistribuite alla popolazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.