Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera illustrerà il 14 marzo a Ginevra la presa di posizione sulla sua politica dei diritti dell'uomo. In tale occasione, preciserà davanti all'assemblea del pertinente Consiglio perché accetta 49 delle sue raccomandazioni e ne respinge 36. Il Consiglio federale ha adottato oggi la posizione elvetica.

Quest'ultima è stata elaborata congiuntamente ai cantoni. Il ministro degli esteri Didier Burkhalter si è già espresso davanti al Consiglio dei diritti dell'uomo il 29 ottobre. Delle 140 raccomandazioni allora ricevute da parte di 80 Stati, la Svizzera ne aveva accolte 50 e respinte 4.

Delle 86 raccomandazioni in sospeso in vista di un'analisi approfondita, una riguarda la politica familiare ed è in sospeso. La risposta dipende infatti dall'esito della votazione popolare di domenica prossima. Il fattore determinante per l'accettazione o il rifiuto di una raccomandazione consisteva nell'esaminare se la Svizzera l'adempie già o potrà adempierla entro il prossimo esame periodico universale.

Tra le misure respinte figurano i mezzi per evitare che le iniziative popolari violino i diritti umani di gruppi o individui. Il Consiglio federale ricorda che l'iniziativa è un elemento fondamentale della democrazia svizzera. Sono state fatte proposte per migliorare la compatibilità con il diritto internazionale, ma è "impossibile prevedere quale sarà la decisione del parlamento".

La Svizzera non ritiene utile adottare una legge supplementare anti-discriminazione per lottare contro gli atteggiamenti razzisti, islamofobi e xenofobi. Il Consiglio federale non vuole nemmeno togliere la riserva elvetica sul ricongiungimento familiare alla Convenzione sui diritti dell'uomo.

Viene anche respinta la raccomandazione che esige alloggi adeguati per rifugiati e richiedenti l'asilo. Le autorità fanno del loro meglio, ma sono talvolta sottoposte a restrizioni, ricorda la Svizzera. Non vi è infine motivo di proporre una definizione della tortura nel Codice penale. Il governo precisa comunque che gli atti di tortura sono tutti repressi dalla legislazione elvetica.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS