Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Siamo pronti per negoziare con l'Unione europea sulle questioni istituzionali". Lo ha dichiarato oggi il consigliere federale Didier Burkhalter, dopo la decisione del Consiglio federale che ha approvato il mandato negoziale con l'Ue a tal scopo. Parallelamente, il Governo ha dato il proprio benestare a trattative - che dovrebbero incominciare all'inizio dell'anno prossimo - con Bruxelles per aggiornare l'Accordo sulla fiscalità del risparmio e approvato un progetto di mandato per una partecipazione elvetica al programma cultura dell'Ue.

Il futuro accordo sulle questioni istituzionali, già noto nella sue grandi linee, rappresenta per la Svizzera un importante passo per rafforzare e rinnovare le relazioni bilaterali con Bruxelles, nel rispetto della nostra sovranità, ha ricordato il ministro degli esteri.

Gli ambienti consultati - specie i cantoni e le commissioni parlamentari di politica estera - hanno espresso parere largamente positivo sull'avvio di discussioni. Dall'esito positivo dipende anche la possibilità di concludere altre accordi, come quello sul mercato dell'elettricità.

Berna spera che un'intesa possa essere trovata entro la fine dell'anno prossimo. La commissione europea sta ancora elaborando un mandato negoziale. A detta di Burkhalter, questo ritardo non è legato all'esito della votazione del prossimo 9 febbraio sull'iniziativa UDC contro l'immigrazione di massa.

Per garantire un coordinamento efficace con gli altri mandati negoziali, è stata istituita una struttura ad hoc diretta dal Segretario di stato agli affari esteri, ha detto Burkhalter.

Burkhalter ha rammentato gli elementi non negoziabili per la Confederazione, come il diritto di cittadinanza, il diritto di referendum, nonché le misure di accompagnamento alla libera circolazione.

La ripresa automatica del diritto europeo è esclusa, ha aggiunto il consigliere federale PLR, secondo cui la Svizzera deve avere la possibilità di partecipare all'elaborazione delle norme che l'interessano.

In caso di conflitti, la Corte di giustizia europea potrà emettere un parere interpretativo destinato al comitato misto svizzera-Ue, un'istanza politica che deciderà sul da farsi. "In ogni caso, nessuna soluzione potrà esserci imposta senza il nostro accordo", ha puntualizzato il ministro neocastellano.

"Qualora non fosse possibile trovare soluzioni condivise, sono ipotizzabili misure compensatorie, come la sospensione di una parte o della totalità di un accordo", ha spiegato.

Circa la revisione dell'accordo sulla tassazione del risparmio, la consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf ha dichiarato che la Svizzera è disposta a negoziare un'estensione della sua applicazione ad altri tipi di società - come le società miste - e ad altri strumenti finanziari - assicurazioni sulla vita o i prodotti strutturati - per eliminare le scappatoie fiscali. In cambio dall'Ue vogliamo l'accesso al mercato europeo per la banche elvetiche, ha sostenuto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS