Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Veduta di Hong Kong, una delle maggiori piazze finanziarie mondiali.

KEYSTONE/EPA/JEROME FAVRE

(sda-ats)

Il Consiglio federale ha posto oggi in consultazione gli accordi che introducono lo scambio automatico di informazioni relative a conti finanziari con Hong Kong e Singapore. Oggi ha pure firmato l'intesa con Hong Kong.

La firma dell'accordo con Singapore è già avvenuta il 17 luglio 2017, indica una nota odierna della Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali (SFI). La consultazione terminerà il 27 gennaio 2018.

Hong Kong e Singapore sono considerate due delle principali piazze finanziarie mondiali. Per la Svizzera è fondamentale che sul piano internazionale vigano le medesime condizioni di concorrenza. Di conseguenza l'introduzione dello scambio automatico di informazioni con le piazze finanziarie concorrenti riveste un'importanza particolare, sottolinea la SFI.

Il governo prevede di introdurre lo scambio automatico di informazioni con Singapore e Hong Kong dal 2018: il primo scambio effettivo di dati avverrà nel 2019, mentre l'anno prossimo i dati saranno raccolti.

Il Consiglio federale ha deciso di introdurre lo scambio automatico di informazioni con Hong Kong e Singapore in via provvisoria dal prossimo gennaio in modo da rispettare il calendario prestabilito. Le commissioni competenti hanno approvato l'applicazione provvisoria degli accordi nel mese di giugno del 2017.

Conformemente a quanto stabilito dalla legge, il Consiglio federale deve sottoporre il progetto al parlamento per approvazione entro sei mesi dall'inizio dell'applicazione provvisoria. Il governo prevede di licenziare il messaggio concernente i due accordi nella primavera del 2018, in modo che le Camere federali possano trattare il progetto nell'ambito della procedura ordinaria.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS