Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio federale auspica che la Svizzera prosegua la strada intrapresa nella lotta contro il lavoro minorile a livello internazionale.

Ha infatti approvato oggi un rapporto sull'impegno della Confederazione in tal senso elaborato in risposta a un postulato della Commissione della scienza, dell'educazione e della cultura del Nazionale.

Attualmente, stando alle stime dell'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL), i bambini lavoratori sono circa 168 milioni. La Svizzera sostiene gli strumenti internazionali dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), dell'ONU e dell'OIL che rendono le aziende consapevoli delle loro responsabilità sociali.

Numerosi progetti di cooperazione economica allo sviluppo mirano al miglioramento delle condizioni di lavoro all'estero e alla sensibilizzazione delle imprese sul problema del lavoro minorile. Inoltre, nel settore degli appalti pubblici e dei servizi forniti all'estero la Confederazione esige che le aziende soggette all'ordinanza sugli acquisti pubblici rispettino almeno le convenzioni fondamentali dell'OIL ratificate dalla Svizzera.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS