Navigation

CF: vicenda Crypto non ha intaccato fiducia Stati in Svizzera

In relazione alla vicenda Crypto, il Consiglio federale non intende adottare alcuna misura prima che sia stata completata l'indagine da parte della Delegazione delle Commissioni della gestione delle Camere federali. KEYSTONE/ALEXANDRA WEY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 marzo 2020 - 13:44
(Keystone-ATS)

Il Consiglio federale non ritiene che le attività di spionaggio di Crypto, società di Zugo controllata segretamente dalla CIA e dai servizi segreti tedeschi, abbiano intaccato la fiducia degli altri Stati nella Svizzera.

Il governo non intende adottare alcuna misura prima che sia stata completata l'indagine da parte della Delegazione delle Commissioni della gestione delle Camere federali (DelCG).

È quanto scrive il governo in due risposte a interrogazioni urgenti dei gruppi parlamentari di PS e Verdi pubblicate ieri, che Blick.ch ha tematizzato oggi.

Secondo il Consiglio federale, la credibilità della politica estera svizzera si basa sulla sua coerenza e la sua affidabilità a lungo termine, e queste sono rimaste intatte. Il governo fa anche notare che il numero di reazioni ufficiali da parte di Paesi terzi nei confronti della Svizzera in seguito alla vicenda è rimasto molto basso.

"Al momento non si impongono misure", scrive il Consiglio federale in risposta a diverse domande dei due gruppi parlamentari. Prima vuole disporre dei risultati dell'inchiesta della DelCG, che "consentiranno una più solida valutazione fattuale e politica degli eventi".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.