Navigation

CFO meno ottimisti su futuro economia

L'economia è in fase di rallentamento. KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 novembre 2019 - 16:35
(Keystone-ATS)

Nuovi segnali di rallentamento per l'economia svizzera: la quota dei responsabili delle finanze (CFO) delle aziende che mostra ottimismo sul futuro è scesa ulteriormente.

Dalla 37esima inchiesta semestrale condotta dalla società di consulenza Deloitte emerge che il 26% dei 103 interpellati prevede un'evoluzione congiunturale positiva in Svizzera nei prossimi dodici mesi, contro il 53% di sei mesi or sono e il 79% di un anno fa. Il 34% è pessimista, mentre il 40% ha una posizione neutrale.

Comunque solo il 17% si attende una recessione nella Confederazione nei prossimi due anni (erano il 15% un semestre fa). E la metà degli interpellati valuta positivamente le prospettive per i propri affari, contro il 18% che vede nero. Il saldo fra le due posizioni è è 31%: un dato in calo rispetto al 53% del primo semestre.

Questo si traduce anche nelle stime sull'impiego: la quota di chi vuole assumere personale è di 5 punti percentuali inferiore a quella di chi intende ridurre l'organico. Il 36% delle imprese elvetiche è peraltro inoltre intenzionata ad aumentare gli investimenti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.