Navigation

CH Media riunisce le redazioni di 3 tv e 7 radio regionali

CH Media riorganizza le tv e le radio regionali (foto d'archivio). KEYSTONE/WALTER BIERI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 31 ottobre 2019 - 14:26
(Keystone-ATS)

CH Media - la joint venture fra AZ Medien (Aargauer Zeitung) e le testate regionali del gruppo NZZ - concentra le sue tv e radio regionali. TeleZüri, Tele Bärn e Tele 1 avranno una redazione comune, mentre sette stazioni radio avranno un'organizzazione sovraregionale.

La riorganizzazione comporta tre licenziamenti, che sono effettivi dal primo novembre, indica oggi CH Media in una nota.

Le tre emittenti televisive si concentreranno sull'informazione regionale e la redazione comune renderà possibili delle sinergie. Anche le sette stazioni radio, tra cui Radio Argovia, Radio 24, Radio Pilatus e Radio FM1, saranno organizzate a livello nazionale.

Malgrado i tre licenziamenti, CH Media prevede di creare dieci nuovi posti di lavoro per il nuovo portale per la Svizzera centrale "Pilatus Today", che sarà lanciato alla metà del 2020.

Con l'acquisizione, annunciata due settimane fa, dei canali televisivi del gruppo 3-Plus (3+, 4+, 5+ e 6+), CH Media è diventata il primo operatore televisivo privato della Svizzera.

L'impresa mediatica sta costruendo a Zurigo-Oerlikon una sede centrale di produzione, dove nella prima metà del 2021 verranno trasferite Radio 24, Virgin Radio Svizzera, le emittenti televisive TeleZüri, TV24, TV25, S1 e Impuls Media Group.

CH Media raggiunge, secondo i propri calcoli, circa due milioni di persone nella Svizzera tedesca con giornali regionali, portali online, stazioni radiotelevisive e riviste. Con circa 480 milioni di franchi di fatturato e oltre 2000 dipendenti, la joint venture è una delle più grandi imprese mediatiche del paese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.