Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Contrariamente a quanto sarebbe stato detto dagli assassini dell'attacco contro la sede di Charlie Hebdo, non è il Profeta che è stato vendicato, ma è la nostra religione, i nostri valori e i principi islamici che sono stati traditi e disonorati". Con queste parole Tariq Ramadan, noto intellettuale ginevrino di origine egiziana, tra le voci più influenti nel dibattito sulla questione dei musulmani d'Occidente e sul rinnovamento del pensiero musulmano, ha commentato su Twitter l'attentato di questa mattina a Parigi.

"No, no, no! - ha scritto su Twitter Ramadan, nipote di Hasan al-Banna, fondatore dei Fratelli Musulmani - La mia condanna è assoluta e la mia rabbia è profonda rispetto a questo orrore. Permettetemi di esprimere la mia vicinanza e le mie sincere condoglianze alle famiglie delle vittime".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS