Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Si sono barricati in una casa a 70 km da Parigi i due fratelli franco-algerini ricercati per la strage nella redazione parigina di Charlie Hebdo, dopo una concitata caccia all'uomo durata 24 ore fra la capitale e la Piccardia.

"Un'operazione è in corso" a Crepy-le-Valoise, ha confermato la prefettura dell'Oise, in una situazione che appare ancora confusa. I due principali sospettati, i fratelli di origine algerina nati in Francia Said e Cherif Kouachi, di 32 e 34 anni, entrambi reduci dalla "Jihad" in Siria, sono stati segnalati stamani da un benzinaio vicino a Villers-Cotterets, 85 km a nord-est di Parigi, mentre viaggiavano in direzione della capitale in un'auto con la targa nascosta carica di armi lungo la statale RN2.

Immediatamente sono stati predisposti posti di blocco su tutte le strade di accesso a Parigi, immediatamente il palazzo dell'Eliseo è stato blindato.

E in una Parigi sotto shock, stamani due poliziotti sono stati attaccati dopo un incidente stradale. Uno di loro, un'agente donna è morta, e l'altro è stato ferito da un uomo, anche lui poi riuscito a fuggire. Un episodio il cui legame con la strage non è chiaro, ma che ha richiamato sul posto il ministro dell'interno, Bernard Cazeneuve, che ha dovuto abbandonare precipitosamente un vertice all'Eliseo.

I concitati sviluppi della mattinata seguono una nottata ancora più drammatici in cui un'operazione delle teste di cuoio ha preso di mira la città di Reims, nello Champagne. Cinque persone sono state fermate, fra le quali la moglie, la sorella e il cognato di uno dei due.

Quanto al terzo ricercato, il 18enne Mourad Hamid, si è presentato spontaneamente stamani di Charleville-Mézières e la sua posizione è ora al vaglio della polizia.

Stamani il presidente francese Franois Hollande ha ricevuto all'Eliseo il suo predecessore, Nicolas Sarkozy.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS