Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'uomo prigioniero nell'edificio dove erano i fratelli Kouachi a Dammartin-en-Goële non era un ostaggio perché i terroristi non si sono mai accorti della sua presenza. Lo rivelano gli inviati sul posto di BFM-TV. Era nascosto in uno scatolone ed ha avvertito la polizia con cellulare.

Secondo la ricostruzione di BFM, l'uomo è rimasto da questa mattina fino al momento dell'assalto nascosto dentro uno scatolone di cartone. Per giunta, sempre secondo la tv, l'impiegato della ditta sarebbe riuscito a comunicare con la polizia grazie al suo cellulare, riuscendo a fornire topografia dei luoghi e informazioni precise su quanto stava succedendo all'interno.

I due fratelli Kouachi, che pensavano di non avere nessun ostaggio nelle loro mani e quindi nessuna merce di scambio con la polizia, hanno quindi deciso di uscire sparando all'impazzata contro i poliziotti e scatenando il raid decisivo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS