Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Chiese sempre più vuote (nella foto la chiesa di San Gottardo ad Intragna)

Keystone/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Il numero di persone che hanno lasciato la Chiesa in Svizzera tra il 2011/2012 e il 2015 è progredito in quasi tutti i cantoni di cui si hanno le cifre, anche se in modo diverso.

Su 1000 membri le defezioni sia dalla Chiesa cattolico-romana che da quella evangelica riformata sono state particolarmente elevate a Basilea Città, Soletta e Argovia, secondo le cifre rilevate dall'Istituto svizzero di sociologia pastorale (SPI) di San Gallo.

In particolare nel 2015 a Basilea Città le partenze dalla Chiesa cattolico-romana sono state 30,6 ogni 1000 membri e quelle dalla Chiesa evangelica riformata 30,9; a Soletta i membri che hanno abbandonato la Chiesa cattolico-romana sono stati 15 e 19,4 quelli che si sono allontanati dalla Chiesa evangelica riformata. Ad Argovia coloro che hanno lasciato la Chiesa cattolico-romana sono stati 13,8 e 17,1 quelli che sono partiti dalla Chiesa evangelica riformata.

Dal 2011/2012 al 2015 le variazioni maggiori tra le defezioni dalla Chiesa cattolico-romana, sempre calcolate su 1000 membri, si sono registrate a Basilea Città (da 20,5 a 30,6), a Sciaffusa (da 9,6 a 13,8) e ad Appenzello Esterno (da 6,3 a 9,4). Ad eccezione del Giura nel lasso di tempo considerato le "uscite" sono cresciute in tutti i cantoni.

Nella Chiesa evangelica riformata le maggiori variazioni nelle partenze su 1000 membri sono state riscontrate a Basilea Città (da 25,6 nel 2011/2012 a 30,9), ad Argovia (da 13,4 a 17,1), a Lucerna (da 9,9 a 14,1) e a Obvaldo (da 6 a 10). Le uscite dalla Chiesa evangelica riformata sono aumentate in tutti i cantoni ad eccezione di Nidvaldo.

Per quanto riguarda Ticino e Grigioni, di cui si hanno solo i dati relativi alla Chiesa evangelica riformata, le partenze sono state rispettivamente 8,2 e 8,8 nel 2015 contro rispettivamente 6,9 e 6,5 nel 2011/2012.

Lo SPI mette tuttavia in guardia sull'interpretazione delle cifre: i tassi delle defezioni sono variati di anno in anno. Tendenzialmente i riformati lasciano la loro Chiesa più spesso dei cattolici. Cifre sul lungo periodo ci sono solo per pochi cantoni, sottolinea.

Le minori "uscite" dalla Chiesa cattolico-romana si sono avute ad Appenzello Interno e Giura, entrambi 2,6 su 1000 membri. Per quanto riguarda la Chiesa evangelica riformata, i tassi più bassi si sono avuti in Appenzello Interno e in Appenzello Esterno (insieme 6,9).

Il voltare le spalle alla Chiesa non è un fenomeno unicamente svizzero: nella fortemente cattolica Austria, nel 2013, 2014 e 2015 si sono registrate oltre 10 "uscite" all'anno su 1000 membri, scrive lo SPI. In Svizzera nel 2013 erano 8 su 1000 membri e nel 2015 circa 10 su 1000.

Tra i cattolici tedeschi un'elevata defezione è stata riscontrata nel 2014. Secondo lo SPI molte persone sono state spinte ad abbandonare la Chiesa in seguito a una modifica sulla riscossione delle tasse ecclesiastiche. Dopo un tasso di 9,1 ogni mille nel 2014 si è scesi a 7,7 nel 2015.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS