Navigation

Christian Levrat (PS): abbiamo perso a vantaggio dei Verdi

Il presidente del PS Christian Levrat potrebbe rimettere in discussione il suo mandato il prossimo aprile KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 ottobre 2019 - 16:50
(Keystone-ATS)

All'indomani della perdita di 4 seggi al Nazionale e del conseguimento della percentuale di voti più bassa (16,6%) da quando è stato introdotto il sistema proporzionale (1919), il presidente del Partito socialista Christian Levrat non nasconde la sua insoddisfazione.

"Abbiamo perso a vantaggio dei Verdi, questo è chiaro", ha detto colui che è alla testa del PS dal 2008. Stando al "senatore" friburghese la sconfitta di ieri impone una riflessione autocritica. "Nei prossimi giorni analizzeremo in dettaglio i risultati ottenuti dai socialisti in queste elezioni (...). Discuteremo all'interno delle nostre posizioni, della nostra campagna e certamente anche di questioni più personali", ha indicato il partito in una presa di posizione scritta trasmessa all'agenzia Keystone-ATS.

La sconfitta dei socialisti pone naturalmente la questione della presidenza. Per il momento è impossibile sapere se Levrat rivendicherà un nuovo mandato al Congresso del PS in programma nell'aprile del 2020. I delegati avranno una prima occasione per tematizzare il problema della leadership del partito il prossimo il 30 novembre durante l'Assemblea dei delegati.

Ma "finora nessuno ha chiesto il ritiro di Christian Levrat", ha tenuto a precisare il portavoce del PS Gaël Bourgeois.

Tendenza al ribasso dal 2003

Come detto, ieri il PS ha conseguito il peggior risultato dal 1919 a questa parte. Ma la sconfitta riflette anche una tendenza al ribasso a livello nazionale che risale al 2003. Anche nelle ultime elezioni cantonali, il partito socialista ha perso seggi in tre cantoni romandi: Vaud (-4), Neuchâtel (-1) e Vallese (-1).

Secondo Levrat, il risultato di ieri non è tutto da buttare: "il Parlamento si è chiaramente spostato a sinistra. Al Nazionale, PS, Verdi e sinistra radicale hanno ottenuto complessivamente 14 seggi supplementari. Ciò apre nuove prospettive di alleanze progressiste". Inoltre, se lo si paragona con il PS francese o la SPD tedesca, il Partito socialista svizzero ne esce relativamente bene.

All'interno del partito non tutti la pensano allo stesso modo. Gioventù socialista (GISO) invoca altri fattori che non hanno nulla a che vedere con l'avanzata degli ecologisti registrata ieri.

Non abbastanza profilati

"L'onda verde ha colpito il PS perché il partito non è riuscito a mostrare una chiara alternativa di sinistra all'ordine socialmente dominante", ha affermato la presidente di GISO Ronja Jansen. A suo avviso, "l'elezione di numerose giovani donne di sinistra e i risultati delle sezioni cantonali dimostrano che il PS deve rinnovarsi". In questo senso, GISO si congratula in particolare con Tamara Funiciello (BE) e Baptiste Hurni (NE) eletti per la prima volta alla Camera del popolo.

Secondo la Jansen, "il PS si è spostato troppo al centro. Non possiamo entusiasmare le persone con tiepide politiche di compromesso, ma dobbiamo mostrare loro reali alternative". Interrogata sull'eventuale responsabilità della direzione del partito, la presidente di GISO non intende chiedere il ritiro di nessuno. Anche per lei, ora è il tempo delle analisi. "Tutto il resto è pura speculazione".

Anche tra le Donne socialiste, "è ancora troppo presto per trarre conclusioni", ha sottolineato la co-presidente Natscha Wey. Occorre attendere la fine dei ballottaggi agli Stati. "Ma è chiaro che la questione della presidenza sarà evocata durante la prossima assemblea dei delegati a metà novembre", ha aggiunto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.