Navigation

Christoph Blocher preannuncia referendum contro accordo energia

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 luglio 2012 - 11:44
(Keystone-ATS)

Dopo aver condotto con successo venti anni fa la campagna contro l'adesione della Svizzera allo Spazio economico europeo (SEE), Christoph Blocher continua a lottare contro l'Unione europea (UE). In un colloquio all'ats annuncia un referendum contro l'accordo sull'energia e l'elettricità attualmente negoziato con l'UE.

Il consigliere nazionale zurighese teme che il Consiglio federale vi possa fare importanti concessioni a Bruxelles sulla questione istituzionale. Il trattato potrebbe fissare la ripresa automatica del diritto comunitario e la creazione di un'istanza arbitrale indipendente per gli accordi bilaterali dove "la Svizzera non avrebbe più niente da dire". Per questo, Blocher conta di lanciare un referendum e annuncia che un comitato interpartitico deve essere creato prima della fine dell'anno per sensibilizzare al più presto la popolazione.

"Venti anni fa le cose erano semplici, si votava per o contro lo SSE". Oggi, l'accordo sull'energia sembra a priori inoffensivo, rileva l'esponente dell'UDC. "Spetterà a noi mostrare che si tratta della sovranità della Svizzera. I partigiani dell'accordo si limiteranno a parlare di energia", aggiunge.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?