Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo aver condotto con successo venti anni fa la campagna contro l'adesione della Svizzera allo Spazio economico europeo (SEE), Christoph Blocher continua a lottare contro l'Unione europea (UE). In un colloquio all'ats annuncia un referendum contro l'accordo sull'energia e l'elettricità attualmente negoziato con l'UE.

Il consigliere nazionale zurighese teme che il Consiglio federale vi possa fare importanti concessioni a Bruxelles sulla questione istituzionale. Il trattato potrebbe fissare la ripresa automatica del diritto comunitario e la creazione di un'istanza arbitrale indipendente per gli accordi bilaterali dove "la Svizzera non avrebbe più niente da dire". Per questo, Blocher conta di lanciare un referendum e annuncia che un comitato interpartitico deve essere creato prima della fine dell'anno per sensibilizzare al più presto la popolazione.

"Venti anni fa le cose erano semplici, si votava per o contro lo SSE". Oggi, l'accordo sull'energia sembra a priori inoffensivo, rileva l'esponente dell'UDC. "Spetterà a noi mostrare che si tratta della sovranità della Svizzera. I partigiani dell'accordo si limiteranno a parlare di energia", aggiunge.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS