Navigation

CICR taglierà impieghi a Ginevra, forse a rischio 100 posti

Il CICR si appresta a ridurre l'organico. KEYSTONE/MARTIAL TREZZINI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 settembre 2020 - 14:00
(Keystone-ATS)

Soppressione di impieghi in vista presso il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR).

Confrontata con difficoltà finanziarie sulla scia della crisi del coronavirus l'organizzazione umanitaria si appresterebbe a tagliare un centinaio di posti di lavoro a Ginevra, con decine di licenziamenti, stando alla RTS.

Contattato da Keystone-ATS, un portavoce ha confermato che il CICR si trova di fronte a "decisioni difficili", ma si cercherà di minimizzare l'impatto sul personale. Negli ultimi sei mesi - ha spiegato l'addetto stampa - le attività sono state mantenute o addirittura ampliate per assistere le popolazioni più vulnerabili al Covid-19: ciò ha accentuato le sfide operative e finanziarie.

"Solo adottando provvedimenti possiamo continuare ad assistere e proteggere le vittime dei conflitti armati", fa sapere il CICR. Decisioni in merito potrebbero potrebbe essere annunciate nei prossimi giorni.

Il Comitato internazionale della Croce Rossa non è l'unica organizzazione in difficoltà economiche: varie altre ong temono di vedersi i finanziamenti ridotti sulla scia della pandemia.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.