Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Accolta una mozione volta ad ammettere abbattimenti mirati di cigni.

KEYSTONE/EPA/FRANCK ROBICHON

(sda-ats)

In caso di forti concentrazioni di cigni reali in zone agricole o di svago, i Cantoni devono poter procedere, dopo averne fatto richiesta alle autorità federali, a singoli abbattimenti oppure decidere altre misure di regolazione.

È quanto prevede una mozione trasmessa oggi al governo dal Consiglio degli Stati.

La Svizzera conta 5000-6000 cigni reali, un animale non indigeno ma protetto. Attualmente ogni intervento va approvato dall'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) e deve essere oggetto di una decisione cantonale contro la quale è possibile inoltrare ricorso.

Con la mozione si intende permettere ai Cantoni autorizzati dall'UFAM di regolare la popolazione del cigno reale sull'esempio di quanto avviene con gli stambecchi. Saranno abbattuti solo i pennuti che rappresentano un "pericolo" per passanti, ciclisti e bambini.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS