Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ci vorranno forse venti giorni per domare l'incendio scoppiato 48 ore fa nelle colline di Valparaiso, la terza zona metropolitana più importante del Cile, che ha ucciso 12 persone e distrutto circa 2 mila case e contro il quale la presidente Michelle Bachelet ha annunciato oggi una "operazione aerea su grande scala".

A causa del disastro, Bachelet ha annullato il primo viaggio del suo nuovo mandato -un' attesa visita ufficiale in Argentina- e convocato un comitato di emergenza, con la presenza di 16 dei suoi ministri, per affrontare la situazione, al termine del quale Guillermo de la Maza, responsabile regionale dell'Ufficio di Emergenze del mistero degli Interni (Onemi), ha sottolineato alla stampa che "l'incendio non è stato ancora controllato".

"Lanceremo la più grande operazione aerea per affrontare un incendio di queste dimensioni", ha annunciato Bachelet, aggiungendo che "troveremo nelle altre regioni del Cile e anche all'estero l'appoggio di aerei per affrontare questo disastro", ma il responsabile delle operazioni della Corporazione Nazionale Forestale (Conaf), Alfredo Mascareno, ha avvertito da parte sua che anche così è probabile che ci vorranno una ventina di giorni per l'estinzione totale delle fiamme.

De la Maz ha chiesto agli abitanti delle colline che sovrastano il porto di Valparaiso di evacuare al più presto la zona e di evitare di ritornare per ora nelle aree dove l'incendio è stato domato. Ieri i servizi di emergenza hanno dovuto assistere centinaia di persone ad allontanarsi dalle loro case nella notte, quando il vento è cambiato e l'incendio ha cominciato ad avanzare verso l'area di Cerro Ramaditas.

Circa 1200 persone sono state accolte finora nei 26 centri preparati dalle autorità per gli evacuati e le autorità locali hanno informato che le scuole rimarranno chiuse finché durerà l'emergenza e che finora solo 3 delle 12 persone morte nell'incendio sono state identificate finora, in base a esami di materiale genetico. La dodicesima vittima è un uomo che è morto d'infarto mentre vedeva le fiamme divorare la sua casa.

SDA-ATS