Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

SANTIAGO DEL CILE - "Il miracolo di San José": titolano così i quotidiani cileni all'indomani dell'annuncio che i 33 minatori intrappolati da oltre due settimane in una miniera nel deserto di Atacama sono ancora vivi. Da stamani vengono sostentati con un "cordone ombelicale", un tubo da cui ricevono cibo e acqua.
La notizia è arrivata ieri dallo stesso presidente, Sebastian Pinera, che si è precipitato nella miniera "San José" nei pressi di Copiaco, 830 km a nord di Santiago, sventolando il pezzo di carta "venuto dalle viscere della terra", in cui i minatori annunciavano di essere ivi 17 giorni dopo il crollo della miniera. I 33 sono riusciti a mandare un messaggio attraverso la sonda calata a 700 metri di profondità: "Stiamo bene tutti e 33 e siamo nel rifugio", si legge nel biglietto.
Il messaggio ha confermato le speranze dei tecnici, che hanno continuato a lavorare nonostante da giorni non arrivassero più segni di vita: al momento dello smottamento che ha fatto franare la miniera, i minatori sono riusciti a raggiungere uno dei rifugi allestiti lungo le gallerie, con provviste e ossigeno. Solo così possono essere rimasti in vita dal 5 agosto ad oggi, nella galleria caldissima di giorno e freddissima di notte, quattro chilometri e mezzo dentro alla miniera, con 700 metri di roccia sopra la testa.
L'"avventura" dei 33 però non si è ancora conclusa: "Ci vorranno almeno 120 giorni per salvarli", ha detto Andres Sougarret, l'ingegnere che guida il team dei soccorritori. In pratica, i 33 rischiano di rimanere nella miniera fino a Natale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS