Navigation

Cile: oltre 2.800 feriti in 40 giorni di proteste

Le proteste in Cile hanno causato oltre 2'800 feriti KEYSTONE/EPA EFE/ELVIS GONZALEZ sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 novembre 2019 - 14:11
(Keystone-ATS)

Gli incidenti fra manifestanti e forze dell'ordine avvenuti in Cile nei quasi 40 giorni di proteste sociali hanno prodotto un bilancio di oltre 2.800 feriti. Lo ha rivelato l'Istituto nazionale dei diritti umani (Indh).

In un rapporto l'organismo ha precisato che dai controlli realizzati nei diversi ospedali è emerso che fra i 2.808 feriti, 232 hanno sofferto lesioni oculari, per il 75% dovute a spari. Dal 17 ottobre e fino a ieri, si dice nel documento, 437 persone erano rimaste ferite per colpi d'arma da fuoco, mentre 1.180 avevano riportato lesioni dovute all'impatto di pallini sparati da armi in dotazione alla polizia. L'Indh ha quindi aggiunto che le persone arrestate nello stesso periodo sono state 7.259 (5.136 uomini e 1.103 donne), di cui 867 minori di età.

Nel rapporto si precisa infine che a seguito delle violenze sono state presentate alla magistratura 499 denunce contro 'carabineros' e membri delle Forze armate, di cui 79 per violenze sessuali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.