Navigation

Cile: procura accuserà formalmente di tortura 14 agenti

Intervento della polizia durante una manifestazione a Santiago del Cile KEYSTONE/AP/ESTEBAN FELIX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 novembre 2019 - 17:39
(Keystone-ATS)

La procura dell'area orientale della regione metropolitana di Santiago del Cile ha annunciato che accuserà formalmente 14 agenti dei carabinieri del Paese per crimini di tortura nell'ambito delle manifestazioni che hanno colpito il Paese dallo scorso 18 ottobre.

I 14 agenti saranno formalmente accusati nei prossimi giorni e rischiano condanne da 5 a 10 anni di carcere. Le accuse riguardano due eventi avvenuti a Nunoa e La Florida, entrambe nella regione metropolitana di Santiago, il 21 ottobre scorso.

Nel primo episodio, 12 agenti sono accusati di aver picchiato brutalmente un manifestante, mentre nel secondo due agenti hanno "brutalmente picchiato" un minore di 16 anni fermato per violazione del coprifuoco, secondo quanto riferito dalla procura.

Il procuratore Manuel Guerra ha illustrato in dettaglio gli episodi per i quali saranno accusati gli agenti di polizia, e ha anticipato che la procura chiederà per loro la prigione preventiva come misura cautelare.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.