Tutte le notizie in breve

Parata militare a Pechino

Keystone/AP CHINATOPIX/

(sda-ats)

Il budget militare della Cina salirà di circa il 7% quest'anno: lo ha annunciato Fu Ying, portavoce del Congresso nazionale del popolo.

Il totale della spesa per la difesa si attesterà intorno all'1,3% del Pil, ha aggiunto Fu in occasione della conferenza stampa di presentazione del Congresso che si apre domani.

I numeri più dettagliati, come di consueto, saranno diffusi domani dal premier Li Keqiang nel suo discorso di apertura.

Col budget 2015 in aumento annuo del 10,1% e quello 2016 del 7,6% (per prima volta in 6 anni a cifra singola e non doppia), il 2017 si profila in ulteriore discesa per il terzo anno di fila. La scelta del 2016 era stata motivata come il desiderio di riflettere un'economia cresciuta ai ritmi più bassi dal 25 anni, un periodo in cui il budget militare è aumentato a doppia cifra, ad eccezione del 2010 (+7,5%).

Fu ha ribadito che le forze militari cinesi hanno lo scopo di "pura difesa" costituendo una forza di stabilizzazione dell'Asia. "Sosteniamo il dialogo per le risoluzioni pacifiche, mentre allo stesso tempo, abbiamo bisogno di avere la capacità di difendere la nostra sovranità e i nostri interessi. Il rafforzamento delle capacità cinesi portano benefici per preservare la pace e la sicurezza nella regione e non il contrario".

Se sarà confermato l'aumento del 7% circa, il budget dovrebbe segnare 67 miliardi di yuan (quasi 10 miliardi di dollari) in più, salendo per la prima volta al totale di 1.000 miliardi di yuan (145 miliardi di dollari).

L'annuncio è maturato a pochi giorni da quello del presidente Usa Donald Trump per il rafforzamento del 10% (54 miliardi di dollari), fino a superare di poco i 600 miliardi di dollari.

La percentuale di Pil cinese corrispondente alle spese militari è minima rispetto a quella di altri Paesi e sotto la soglia del 2% che gli Usa chiedono ai Paesi Nato di destinare.

"Il gap della nostra capacità rispetto agli Usa è enorme, ma lo sviluppo e la costruzione delle nostre forze armate continuerà in base alla necessità di rispettare i bisogni di Difesa della nostra sovranità e sicurezza azionali", ha concluso Fu.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve