Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È la corruzione la causa primaria delle sanzioni decise dal Partito comunista cinese nel 2015: quasi 300'000 funzionari sono stati colpiti da misure punitive, di cui 200'000 in modo lieve e ben 82'000 in termini pesanti, come l'espulsione dall'apparato burocratico.

Il Comitato centrale per la disciplina e l'ispezione, che è l'autorità nello spinoso settore, in un comunicato postato sul proprio sito web mentre sono in corso i lavori del Congresso nazionale del Popolo, non ha fornito ulteriori dettagli.

Il risultato, che suona come un monito, pare in linea con la spinta anti-corruzione voluta dal presidente Xi Jinping che ha avviato la campagna, al centro e in periferia, a tutti i livelli dal partito al governo, dalle industrie di Stato agli apparati militari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS