Navigation

Cina: Anonymous, presto nuovi attacchi

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 aprile 2012 - 08:08
(Keystone-ATS)

Il collettivo hacktivista Anonymous sfida Pechino, e promette che continuerà ad attaccare i siti del governo per protestare contro la censura imposta al web nel Paese.

"Continueremo, abbiamo già individuato gli obiettivi", ha detto un attivista alla France Presse. Dal 30 aprile, quando è stata annunciata la nascita di Anonymous China, il gruppo ha defaciato (modificato la home page) di oltre 300 siti, inserendo un testo in cui il governo cinese viene definito "vile".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?