Navigation

Cina, confermato miglioramento qualità aria

L'aria si è fatta più pulita. KEYSTONE/AP/ANDY WONG sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 marzo 2020 - 14:47
(Keystone-ATS)

Le città cinesi hanno continuato a vedere un miglioramento della qualità dell'aria nei primi due mesi dell'anno, in seguito al blocco di molte attività per la diffusione del coronavirus.

In gennaio e febbraio in 337 città monitorate dal ministero dell'ecologia e dell'ambiente la percentuale dei giorni medi di buona qualità dell'aria si è attestata al 78,3 per cento, con un aumento di 7,4 punti percentuali anno su anno.

La densità media di PM2,5, un indicatore chiave dell'inquinamento atmosferico, è diminuita del 13,1 per cento rispetto a un anno fa a 53 microgrammi per metro cubo nel periodo, mentre la densità media di PM10 e anidride solforosa è scesa rispettivamente del 21,3 per cento e del 20 per cento.

Nei primi due mesi, la densità media di PM2,5 a Pechino-Tianjin-Hebei e nelle regioni limitrofe è diminuita del 15,7 per cento rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, con la percentuale di giorni medi di buona qualità dell'aria che è salita dall'11,6 al 47,3 per cento, ha detto il ministero.

Il delta del fiume Yangtze, un'altra delle regioni economicamente più vivaci del Paese, ha visto aumentare la percentuale di giorni medi di buona qualità dell'aria di 17 punti percentuali all'80,5 percento, mentre la densità media di PM2,5 è diminuita del 24,2 percento rispetto all'anno precedente.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.