Navigation

Cina: detriti minacciano diga delle tre gole

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 agosto 2010 - 08:27
(Keystone-ATS)

SHANGHAI - Strati di immondizia portata dalle violente piogge minacciano la Diga delle Tre Gole (la più grande del mondo), lungo il fiume Yangtze. Lo riferisce il China Daily.
"La grossa quantità di spazzatura trascinata dall'acqua nella zona della diga - ha dichiarato Chen Lei, direttore del progetto sotto l'egida della Corporazione della Diga delle Tre Gole - potrebbe intasare la diga, creando seri problemi".
Nonostante la quantità di rifiuti nel fiume sia diminuita negli ultimi anni, le recenti inondazioni hanno provocato l'accumulo di grosse quantità di detriti, tra cui rami di alberi, bottiglie di plastica e spazzatura domestica. "I detriti - ha detto ancora Chen - potrebbero danneggiare le eliche e il fondo delle navi che passano, oltre a creare problemi alla qualità dell'acqua".
Chen ha poi aggiunto che ogni giorno dalla diga sono raccolte 3000 tonnellate di immondizia, ma che la inadeguatezza della strumentazione a disposizione rende difficoltosa la pulizia. Sono oltre 150 milioni le persone che vivono vicino alla diga e molte delle città non hanno adeguati sistemi di smaltimento dei rifiuti per cui la popolazione getta la spazzatura ordinaria direttamente nel fiume.
La Corporazione della Diga delle Tre gole spende ogni anno circa 10 milioni di yuan (circa 1 milione e mezzo di dollari) per rimuovere i detriti dalla zona della diga. Quest'anno, secondo i responsabili, ci sarà un incremento di almeno 3 milioni di yuan nei costi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.