Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ancora guai per Liu Tienan: l'ex vice capo della commissione nazionale per lo sviluppo e le riforme in Cina, espulso dal partito comunista perchè accusato di corruzione, è ora indagato dalla magistratura. Lo riferisce l'agenzia Nuova Cina.

Liu Tienan ha "abusato della sua posizione per trarre profitti per sè e la sua famiglia" e ha ricevuto "bustarelle in grandi quantità", aveva scritto la scorsa settimana la Nuova Cina, citando la commissione disciplinare, l'ente di controllo del partito comunista. Liu era stato licenziato lo scorso maggio dopo le accuse rivolte da un noto giornalista cinese sul suo microblog; era stato quindi rimosso da tutte le sue "funzioni di dirigente" ed espulso dai ranghi del partito comunista ai primi di agosto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS