Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Cina: inizia prima visita leader birmana Aung San Suu Kyi

La leader dell'opposizione birmana Aung San Suu Kyi è attesa oggi per la sua prima visita in Cina, che avviene in un momento di tensione sul confine tra i due Paesi.

Il governo di Pechino è stato negli anni scorsi un ferreo alleato della giunta militare del Myanmar (o Birmania), che ha tenuto la leader dell'opposizione e premio Nobel per la pace agli arresti domiciliari per 15 anni. Ma il suo partito, la Lega nazionale per la democrazia, potrebbe vincere le elezioni previste per novembre e assumere un ruolo di primo piano nelle relazioni tra Myanmar e Cina.

Negli ultimi mesi, l'esercito birmano sta combattendo contro i ribelli nella regione del Konkan, al confine tra i due Paesi, e migliaia di cittadini birmani di etnia cinese hanno trovato rifugio nella provincia cinese dello Yunnan. Le relazioni tra i due Paesi, già difficili per i buoni rapporti instaurati dal governo birmano con gli Stati Uniti e alcuni dei loro alleati asiatici, si sono ulteriormente raffreddate.

Secondo voci difficili da confermare nel gruppo dirigente cinese si sarebbero manifestate opinioni diverse sull'opportunità di invitare Aung San, che è per tutto il mondo un simbolo della lotta per la democrazia. La leader birmana è stata invitata dal Partito comunista, non dal governo cinese. I responsabili della visita hanno annunciato che Aung San incontrerà il presidente Xi Jinping e il premier Li Keqiang, senza fornire altri dettagli sulla visita. Gli eventi legati agli incontri della leader birmana saranno aperti solo alla stampa di Stato cinese, hanno aggiunto.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.