Navigation

Cina: l'ex capo di Interpol condannato a 13 anni

Il cinese Meng Hongwei, che è stato per due anni presidente dell'Interpol, oggi è stato condannato a 13 anni e mezzo di carcere per tangenti percepite alcuni anni fa. KEYSTONE/EPA FILE/WALLACE WOON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 gennaio 2020 - 22:01
(Keystone-ATS)

Meng Hongwei, che è stato per due anni presidente dell'Interpol prima di scomparire nel nulla e riapparire poi davanti a un tribunale, oggi è stato condannato a 13 anni e mezzo di carcere per tangenti percepite alcuni anni fa.

Un caso tanto clamoroso quanto sospetto, secondo alcuni osservatori e secondo la stessa moglie di Meng, che ritiene che il marito sia vittima di una vendetta politica orchestrata dal presidente Xi Jinping contro un rivale, oltre che un capro espiatorio nello sbandierato giro di vite del leader cinese contro la corruzione.

Il tribunale di Tianjin, città portuale nel nord della Cina, ha riconosciuto Meng colpevole di aver intascato tangenti per oltre 2 milioni di dollari fra il 2005 e il 2017 - per favori giudiziari o amministrativi a persone e aziende - quando era un potente dirigente dell'apparato della sicurezza interna cinese. Poi ci fu l'elezione a presidente di Interpol e il trasferimento a Parigi, e molti osservatori avanzarono il timore che da tale posizione il Dragone di Xi potesse usufruire di leve in più per estendere il suo potere.

Aspettativa tradita, perché in quella posizione Meng non durò neanche due anni: nel settembre 2018 ci fu la misteriosa sparizione durante una visita in Cina, che mise fine prematuramente al suo mandato all'agenzia internazionale della polizia criminale, che avrebbe dovuto terminare quest'anno.

La prima a dare l'allarme per la sua sparizione fu la moglie, Grace Meng, e pochi giorni dopo furono comunicate le sue dimissioni. Le autorità cinesi confermarono poi quanto si sospettava: Meng era stato arrestato e detenuto in attesa di essere processato per corruzione e che quando scomparve dai radar era già indagato.

Nell'emettere oggi la sentenza, al termine di un'unica udienza, i giudici - spiegano i media - hanno tenuto conto di alcuni fattori attenuanti, fra i quali il fatto che l'imputato abbia "confessato, dicendo la verità, tutte le circostanze dei suoi crimini", anche se - si legge sul New York Times - le autorità cinesi non sono state in grado di ritrovare molte delle somme di denaro che Meng è accusato di avere intascato negli anni.

La tv di Stato cinese, la Cctv, ha riferito che "Meng Hongwei ha detto in aula che avrebbe accettato il giudizio della corte, senza ricorrere in appello".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.