Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

SHANGHAI - Le autorità cinesi stanno cercando nuovi strumenti per spegnere un incendio che brucia in una miniera di carbone, ininterrottamente da 49 anni. Lo scrive lo Shanghai Daily.
Era il 1961 quando il fuoco è divampato nel fondo della miniera Wuda nella regione autonomia della Mongolia Interna. L'area della miniera copre 35 chilometri quadrati e ha diverse caverne dove veniva estratto il carbone. Dopo quasi cinquant'anni, il fuoco brucia ancora in 16 grotte e crea non pochi problemi anche all'ambiente circostante. Il fumo, infatti, ha rilasciato una grande quantità di solfuro, che ha causato anche delle piogge acide.
Nel più imponente tentativo di spegnere le fiamme, la commissione nazionale sviluppo e riforme ha cominciato lo scorso mese a pompare fango e schiuma per abbassare la temperatura e si sta cercando di sigillare le caverne per far mancare l'ossigeno necessario alla combustione.
Nell'agosto del 2008 il governo locale ha annunciato che l'incendio era stato estinto, ma i fatti hanno dimostrato il contrario.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS